Piano per il risanamento del Bacino Idrografico sversante nella Laguna di Venezia

La ricerca mira all’individuazione di linee guida e di indirizzo regionali per la pianificazione urbanistica del territorio antropizzato del Bacino Scolante della Laguna di Venezia, attraverso l’analisi di casi studio, accompagnati dalla risoluzione di problematiche specifiche evidenziate sul territorio. Tutto ciò con particolare riferimento ai sistemi agro ambientali, alla tutela del territorio e del paesaggio rurale, nell’ambito degli strumenti di governo del territorio di nuova generazione (LR n. 11/2004). Tra gli obiettivi operativi del progetto:

  1. Individuazione/definizione di strumenti ed elementi conoscitivi (analisi, studi, elaborazioni, cartografie);
  2. simulazione/previsione di modelli;
  3. individuazione di strumenti/elementi utili alla pianificazione e alla programmazione dei sistemi agroambientali e di gestione del territorio di competenza dalla Regione Veneto.

Il progetto si articola in due linee di ricerca specifiche:

a) Pianificazione del territorio agricolo: il ruolo del Piano di Assetto del Territorio (PAT) e dei Piani degli Interventi (PI).

Quest’ambito della ricerca è finalizzata alla definizione di linee guida e di indirizzo regionali, attraverso l’analisi di casi studio, accompagnati dalla risoluzione di problematiche specifiche evidenziate sul territorio.

Tra gli aspetti sui quali si concentrerà l’attività, in particolare, si riportano:

  • le politiche di gestione del paesaggio rurale;
  • le politiche di conservazione attiva dei paesaggi produttivi, legati ad aspetti vocazionali territoriali e alle produzioni di qualità;
  • lo sviluppo di buone pratiche per la conservazione dei paesaggi agrari storici.

b) Riqualificazione ambientale del Sito di Interesse Nazionale di Venezia – Porto Marghera

L’area industriale di Porto Marghera ha rappresentato per lungo tempo un punto chiave nel settore chimico italiano; tuttavia, negli ultimi decenni, è stata soggetta ad un lento processo di declino industriale e di degrado urbanistico, contrassegnati, oltre che dalla presenza di vaste aree dismesse o sottoutilizzate, dall’obsolescenza o dall’assenza di molte infrastrutture primarie, nonché da considerevoli fenomeni di inquinamento ambientale.
Tra gli aspetti sui quali si concentrerà l’attività di questo ambito di ricerca si riportano in particolare:

  • analisi e valutazione dei sistemi urbani e territoriali, esaminati nel loro contesto ambientale e nel quadro dei rischi naturali e antropici cui sono soggetti, con particolare riferimento all’area compresa nel Sito di Interesse Nazionale di Venezia – Porto Marghera, secondo la perimetrazione definita ai sensi del D.M. Ambiente 23/02/2000, ex L.426/98;
  • il coordinamento dei vari strumenti di governo del territorio, necessari per il rilancio produttivo ed occupazionale nelle aree interessate da interventi di bonifica e di risanamento ambientale all’interno del Sito di Interesse Nazionale di Venezia – Porto Marghera, in attuazione di quanto stipulato nell’ambito dell’«Accordo di Programma  per la bonifica e la riqualificazione ambientale del Sito di Interesse Nazionale di Venezia – Porto Marghera e aree limitrofe» (16/04/2012).

Coordinamento: Matelda Reho, Francesco Musco
Gruppo di Lavoro: Riccardo De Gobbi, Rita Boccardo, Giovanni Uliana, Anna Fumagalli, Oriana Giovinazzi, Viviana Ferrario, Alessia Semenzato
Committente: Regione del Veneto
Durata del progetto: Gennaio 2013 – Gennaio 2016
Budget: 100,000 €uro

 

Tweet about this on TwitterShare on FacebookPin on PinterestShare on LinkedInEmail this to someone