Tecniche e materiali innovativi nell’edilizia per calmierare gli impatti del cambiamento climatico nelle aree urbane

Il progetto nasce dall’urgenza (sottolineata dalla Strategia Nazionale di Adattamento ai Cambiamenti Climatici – SNACC) di ridurre gli effetti del cambiamento climatico sulle città e focalizza l’attenzione sullo studio di prodotti e materiali per mitigare il fenomeno UHI (Isola di calore urbana) da un lato, e ridurre e i problemi di deflusso idrico che si sviluppano nei maggiori agglomerati urbani del Veneto.
La prima fase della ricerca mira allo studio delle risposte avanzate nelle principali città del mondo come New York, Philadelphia e Copenhagen orientate al contenimento delle cause che acuiscono i fenomeni di isola di calore urbano (uhi) e di deflusso difficoltoso (flooding). L’analisi avverrà sia tramite la letteratura scientifica internazionale che tramite le pratiche e di progettazione degli spazi pubblici e privati secondo parametri sostenibili e l’utilizzo di materiali innovativi in grado di rispondere meglio al calore e a garantire elevati livelli di permeabilità o capacità di accumulo idraulico.
La seconda fase mira all’individuazione di soluzioni tecnologiche ed opportune tecniche urbanistiche che possano contribuire a contrastare gli effetti degli eventi climatici estremi. Queste soluzioni prevederanno l’uso di materiali innovativi provenienti dagli attuali modelli produttivi delle aziende operanti nel campo della Green Economy, con ricadute capaci di migliorare l’efficienza dei sistemi urbani nel loro complesso, aumentare il comfort nelle città e ridurre il rischio idraulico. Questa fase vedrà coinvolte le filiere produttive e di ricerca di FAVARO1 Srl e BASF Construction Chemicals Italia Spa, aziende che già operano nel settore edilizio, e del supporto di Climalia e Sive Formazioni Srl.
Ricercatore: Vittore Negretto
Coordinatore scientifico: Francesco Musco
Aziende Coinvolte: FAVARO1 Srl ; BASF Construction Chemicals Spa ; Climalia ; Sive Formazioni Srl
Durata: Settembre 2016 – Settembre 2017

Tweet about this on TwitterShare on FacebookPin on PinterestShare on LinkedInEmail this to someone